Pantheon

Modello 3D e ricostruzione

Pantheon

La ricostruzione mostra l’interno del Pantheon come si presentava in epoca romana prima della trasformazione in basilica cristiana, oggi dedicata a Santa Maria.

Oltre alle immagini nel visore, su richiesta, si possono avere video o altre immagini riprese da altre prospettive.

Materiale multimediale disponibile:

  • video
  • immagini
  • testo

Ti servono contenuti multimediali sul Pantheon?

Breve storia del Pantheon

Dedicato a tutte le divinità dell’Olimpo, il monumento fu eretto per la prima volta nel 27/25 a.C. nell’area di Campo Marzio da Menenio Agrippa (come ricorda l’iscrizione ancora visibile sulla fronte dell’edificio, ricollocata dopo la completa riedificazione del monumento nella sua terza fase).

L’edificio originario doveva essere di forma rettangolare, con la facciata sul lato lungo. Successivamente il monumento fu oggetto di restauri sotto Domiziano.

La struttura attuale corrisponde alla riedificazione attuata dall’imperatore  Adriano, probabilmente tra il 118 e il 125 d.C. Un ultimo intervento si registra sotto il regno di Settimio Severo, come  testimoniato dall’iscrizione posta sulla fronte dell’edificio al di sotto della più antica di Agrippa.

Nella parte anteriore, in antico rialzata rispetto al piano di calpestio, è situato un portico con otto colonne di granito.

La muratura dell’edificio circolare, immediatamente dietro al portico, è caratterizzata da gettate diverse di materiale che nella parte alta è sempre più leggero; l’ultima gettata, in corrispondenza della cupola, è realizzata con lapilli vulcanici.

La copertura ha forma emisferica caratterizzata da cinque ordini concentrici di cassettoni. Nella parte interna del monumento si aprivano una serie di nicchie, destinate ad ospitare le statue delle divinità, cui il tempio era dedicato.

Vuoi maggiori informazioni?